terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

18 luglio 2018

top_colonna1

Stampa

I semi siriani potrebbero salvare il frumento statunitense dalla minaccia climatica

Dal 2000 al 2015, le temperature medie nel Midwest degli Stati Uniti sono aumentate da 1 a 2 gradi Fahrenheit rispetto alla media del XX secolo e gli intervalli tra le piogge si sono allungati, condizioni climatiche che iniziano ad assomigliare a quelle del Medio Oriente.
L'aumento delle temperature comporta un calo dei raccolti nel Midwest, minacciando ulteriori riduzioni fino al 4% annuo. Inoltre, nuovi parassiti e malattie accompagnano le condizioni meteorologiche calde e secche verso nord, annullando la capacità dei prodotti agrochimici di combatterli. In risposta, gli scienziati si sono messi alla ricerca di fonti di resistenza naturale, trovandole in Siria, nel cuore della Mezzaluna fertile, il luogo di nascita dell'agricoltura.
Una delle più importanti banche di semi del mondo si trova ad ovest di Aleppo nella città di Tal Hadya ed è gestita dal Centro internazionale per la ricerca agricola in aree asciutte (ICARDA), specializzato nella conservazione di sementi in aree calde e secche, condizioni che vengono affrontate da molte delle regioni agricole del mondo. È inoltre il luogo di origine del grano coltivato oggi e i semi là custoditi posseggono geni dotati di strategie di sopravvivenza, che si sono evolute nel corso di migliaia di anni. Malattie e parassiti come la cecidomia distruttrice del grano, da tempo conosciuta dagli agricoltori del Medio Oriente, si stanno spostando verso nord, dal sud degli Stati Uniti e dal Messico, e iniziano a comparire in Kansas e negli Stati circostanti (Oklahoma, Texas, Colorado e Nebraska e in alcuni casi fino all'Illinois e al Dakota), causando devastanti attacchi e distruzione del grano, con una perdita media del 10 % del rendimento annuo.
Ming-Shun Chen, professore di entomologia molecolare alla Kansas State University, spiega che le larve della cecidomia, venivano uccise dal freddo dell'inverno, ma ora che il freddo arriva più tardi le larve sopravvivono. Una serie di esperimenti si sono svolti nelle serre dell'università. Piante di frumento commerciale insieme ad un assortimento di piante selvatiche della famiglia del frumento provenienti dalla  banca di semi in Siria, sono state fatte crescere per due o tre settimane insieme a cecidomie. I risultati hanno mostrato che l'unico sopravvissuto è l'Aegilops tauschii siriano (FOTO) che cresce spontaneamente in Siria ed è resistente anche ad altre malattie: nanismo giallo dell'orzo, virus del mosaico, ruggine del grano. Inoltre, esso mostra resistenza a più di mezza dozzina di insetti infestanti comuni, compresa la cecidomia.
L'Università si sta quindi impegnando al fine di introdurre i semi siriani nella selezione. "Si possono usare i parenti selvatici delle colture per migliorare l'agricoltura industriale”.

da: Agrapress Rassegna stampa estera, 13/7/2018




inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
5xmille

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits