terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

25 marzo 2015

top_colonna1

Stampa

Sul futuro del Corpo Forestale dello Stato

di Giovanni Bernetti

In questi ultimi decenni il Corpo Forestale dello Stato è stato posto nelle condizioni di ridurre la sua presenza fisica nel territorio ed il suo impiego nelle funzioni di mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica nelle aree rurali e montane.  Piuttosto, il Corpo Forestale viene impiegato anche in attività di polizia giudiziaria in sovrapposizione a quanto già svolto da altre forze dello Stato. 
Con questo si aggrava l’ormai conclamato ritiro della presenza umana da ampi spazi montani e collinari e già se ne vedono le conseguenze. Sicuramente più di un quarto della superficie del territorio nazionale è priva di presidio e aperta a situazioni di pericolo ed anche di possibili attività delittuose. Pertanto l’eventuale soppressione del Corpo Forestale comporterebbe la dispersione delle professionalità acquisite da una struttura specializzata che si è rivelata indispensabile per garantire la sicurezza nel territorio rurale e la qualità dell’ambiente, in particolare  per provvedere al controllo ed al sostegno delle attività agro-alimentali, pastorali e selvicolturali.  
Considerando le tante diversità che si manifestano nel nostro Paese, le Regioni sono indubbiamente  gli enti più idonei a predisporre la  programmazione ed emanare leggi e regolamenti. Nel controllo delle applicazioni sul territorio, e nel possibile contenzioso che ne può derivare, è, invece più idoneo un ente di stato libero da rapporti diretti con le parti  interessate.
Se il Corpo Forestale non esistesse bisognerebbe inventarlo come amministrazione  autonoma nel proprio settore di attività, specializzata ed attrezzata ad operare, come già ricordato, per la difesa idrogeologica e per la qualità dell’ambiente e per provvedere al controllo ed al sostegno delle attività agro-alimentari, pastorali e selvicolturali.  


The future of the State Forestry Corps
In the last few decades, the State Forestry Corps has had to reduce its physical presence throughout the country and its services in maintaining order and public safety in rural and mountain areas. Instead, the Forestry Corps is also used for judicial police activities that are already carried out by different State corps.
This worsens the now obvious human withdrawal from large mountainous and hilly areas, the consequences of which are already apparent. Indeed, more than a quarter of the country’s land area is now unprotected and is consequently open to dangerous situations as well as to possible criminal activities. 

 

inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

Giovanna Serenelli - inserito il 25/03/2015

Nella foga di rinnovare e modernizzare sembra indispensabile cestinare tutto, incluse competenze preziose da tempo consolidate. Molte di queste ‘modernizzazioni’ sembrano in grado di creare più danni che benefici. Sarebbe buona cosa se le idee espresse nell’articolo venissero in mente anche ai ‘modernizzatori’ frettolosi e non necessariamente dotati di vere conoscenze specifiche.

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits