Semaforo verde in Giappone per il pomodoro ottenuto da CRISP/Cas9

La CRISPR/Cas9 viene utilizzata per creare una mutazione in un gene bersaglio nelle piante e i mutanti creati da questa tecnologia non producono Ogm, come sostenuto dalla maggior parte degli scienziati. Si tratta di una tecnica evoluta che aiuta la tradizionale attività di breeding: le due ricercatrici, che hanno sviluppato questa tecnica, sono state insignite del Premio Nobel per la chimica nel 2020 e precisamente sono la biochimica americana Jennifer Doudna della Università della California a Berkeley e una microbiologa francese, Emmanuelle Charpentier.
In Giappone è stato dato il via libera a una varietà di pomodoro ottenuta con questa tecnologia, i cui frutti saranno a disposizione dei consumatori nel 2021
Una start-up dell'Università di Tsukuba  è riuscita a sviluppare una varietà di pomodoro denominata Sicilian Rouge High GABA, utilizzando la tecnologia CRISP/ Cas 9.
Il pomodoro Sicilian Rouge High GABA contiene alti livelli di GABA (5-6 volte di più del normale), un componente funzionale che apporta benefici alla salute umana come l'abbassamento della pressione sanguigna, nonché essenziale per il metabolismo del cervello.
In Giappone sono state stabilite le linee guida normative per i prodotti sviluppati con la tecnologia di editing del genoma. Secondo queste linee guida, i pomodori prodotti da Sicilian Rouge High GABA non sono considerati Ogm.
Durante il prossimo anno, in Giappone, saranno fornite piantine di questo pomodoro (il primo al mondo ottenuto mediante la tecnologia di editing del genoma) a titolo gratuito agli orticoltori che ne faranno richiesta, a scopo promozionale.

da Freshplaza.it, 16/12/2020