Risoluzione contro pratiche sleali in filiera

L'europarlamento ha approvato con 600 voti favorevoli, 48 contrari e 24 astensioni, una risoluzione che invita la commissione europea a presentare proposte contro le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare, in modo da garantire un reddito equo per gli agricoltori e una vasta scelta per i consumatori. l'obiettivo della proposta deve essere quello di garantire relazioni trasparenti tra produttori, fornitori e distributori di prodotti alimentari. Nel testo approvato si afferma che gli squilibri di reddito e di potere nella filiera alimentare devono essere affrontati con urgenza, al fine di migliorare il potere contrattuale degli agricoltori. per gli eurodeputati, la vendita al di sotto del costo di produzione e l'uso di prodotti
agricoli di base, come ad esempio i prodotti lattiero-caseari, la frutta e gli ortaggi,
quali "articoli civetta" da parte della grande distribuzione, rappresentano una
minaccia alla sostenibilità di lungo termine della produzione dell'UE di tali
prodotti. 

Da Agrapress, 07/06/2016