Per nutrire un pianeta sempre più caldo, creano piante più efficienti

Robert Furbank è il direttore del Centro di eccellenza ARC per la fotosintesi traslazionale, che si avvale di esperti di diverse università australiane e della principale agenzia di ricerca del governo nazionale. In collaborazione con scienziati di università e laboratori privati che di tutto il mondo, il centro mira a un'audace soluzione all'imminente crisi alimentare: rendere le colture più efficienti nel fare la fotosintesi. (…) I fisiologi vegetali ritengono che se riuscissero ad aumentare l'efficienza delle piante nel compiere la fotosintesi di appena il 5%, potrebbero aumentare la resa della maggior parte delle colture del 20%.
Un simile risultato sarebbe di grande aiuto nel nutrire la popolazione globale, che dovrebbe passare da 7,5 miliardi di oggi a forse 10 miliardi nel 2050. Gli scienziati sostengono che i raccolti dovrebbero aumentare di circa il 70% o più per stare al passo con la domanda globale. (…) Secondo gli esperti, nei prossimi decenni i ricercatori dovranno coltivare piante in grado di dare raccolti di un'abbondanza senza precedenti in condizioni sempre più difficili e imprevedibili e tuttavia prosperare con meno risorse – tra cui terra, acqua e fertilizzanti – rispetto alle varietà di oggi.
C'è molto di più del cibo in gioco. L'impatto dei cambiamenti climatici sull'agricoltura sta già contribuendo alle crisi globali, affermano gli esperti. (…) Per quanto riguarda la fotosintesi, gli scienziati australiani sono alle prese con il miglioramento delle prestazioni di un enzima chiamato rubisco che è abbondante nelle piante e fondamentale nel processo. (…) Negli anni '60, dei ricercatori australiani hanno scoperto che alcune piante, tra cui mais e canna da zucchero, manipolano il rubisco affinché lavori in modo più efficiente, permettendo loro di crescere in ambienti più duri.
Se Furbank e i suoi numerosi colleghi e controparti in tutto il mondo fossero in grado di creare colture per cui la domanda è elevata – come riso, grano e patate – che si comportino in modo simile, gli scienziati potrebbero teoricamente migliorarne i raccolti riducendo al contempo la domanda di fertilizzanti e acqua. I team di ricerca di 12 enti in otto nazioni, tra cui l'Australia, che costituiscono il progetto C4 Rice finanziato dalla Fondazione Gates, sperano di raggiungere questo obiettivo per il riso perché sia pronto per essere piantato in campo all'inizio degli anni 2030. (…) In merito ai molti esperimenti in corso in questo angolo dell'Australia e in tutto il mondo, Furbank ha dichiarato: "Non credo che ci sarà un'unica soluzione tecnologica a tutto ciò. Deve esserci un'azione concertata su più fronti". 

Da “The New York Times” in Rassegna della stampa estera n. 1310, 26/9/2019