Nuovo metodo per valutare i composti volatili dell’olio extra vergine di oliva

Nell’ambito del Congresso organizzato dalla European Federation for the Science and Technology of Lipids, a Belfast dal 16 al 19 settembre 2018, l’Università di Firenze, in collaborazione con un’azienda oleicola toscana, ha dato il proprio contributo scientifico, mettendo a punto un sistema innovativo per l’analisi dei composti volatili dell’olio extra vergine di oliva, forse al fine di sostituire anche il panel test (metodo legale per la valutazione organolettica e la classificazione degli oli vergini di oliva). Lo studio rappresenta una novità nell’analisi sensoriale e potrà contribuire a rendere più efficace il controllo della qualità degli oli extra vergini di oliva.


da: Oliofficina, 10/10/2018