La tecnologia genetica resterebbe in bilico dopo la recente sentenza della Corte di giustizia UE


Il "Financial Times", riporta che l'editing genetico (GE), tecnica fra le quali rientra quella del cosiddetto CRISPR, è il maggior progresso tecnico delle bioscienze dopo la scoperta della tecnologia del 'DNA ricombinante' avvenuta nel 1973. Stati Uniti e Canada hanno già deciso che le colture GE non rientreranno nella stessa regolamentazione di quelle geneticamente modificate (GM). Anche gli Europei auspicavano che succedesse lo stesso, ma questa speranza, ha subito un grave colpo nel luglio 2018 quando una sentenza della Corte di giustizia UE ha equiparato le due tecniche. Tuttavia, secondo alcuni esperti, questo non chiude la questione.
Van Der Meer, biologo e avvocato olandese dell'Universita' di Leiden, che ha partecipato alla scrittura della regolamentazione UE sugli OGM, ha dichiarato che se la sentenza dovesse essere interpretata nel senso che tutti gli organismi GE sono OGM per definizione, oltre all'impatto sull'innovazione, ci troveremmo di fronte ad una regolamentazione inapplicabile.

Da Agrapress n. 2053, 12/3/2019