terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

03 ottobre 2018

top_colonna1

Stampa

Germania: ministro Kloeckner contro le restrizioni alle nuove tecniche di ingegneria genetica

Il Ministro tedesco dell’Agricoltura Julia Kloeckner vuole impegnarsi per ridurre le restrizioni riguardanti le nuove tecniche di ingegneria genetica. “Dobbiamo portare avanti un dibattito che sia fondato su basi scientifiche e non sugli umori popolari”, ha dichiarato l’esponente della Cdu.
“Ritengo oggettivamente sbagliato mettere nello stesso calderone il Crispr-Cas e la classica ingegneria genetica verde.
Il sistema Crispr-Cas, anche conosciuto come tecnica della forbice molecolare o di mutagenesi, permette di operare correzioni mirate al patrimonio genetico di una pianta.
Diversamente dagli organismi geneticamente modificati (…) le nuove piante così ottenute sarebbero indistinguibili dalle stesse varietà vegetali interessate da mutazioni che avvengono in modo naturale. Per questo motivo i sostenitori della nuova tecnica avevano chiesto che le piante editate con Crispr-Cas fossero assimilate sul piano normativo a quelle ottenute tramite le tecniche di selezione convenzionali.
Ma lo scorso luglio la Corte di giustizia europea ha sancito che le piante ottenute mediante Crispr-Cas dovranno essere soggette alle severe norme in maniera di
autorizzazione a cui sottostanno gli Ogm (…).
Secondo Kloeckner la nuova tecnica potrebbe invece fornire una soluzione ai problemi dell’agricoltura: “Attraverso di essa potrebbero essere selezionate, ad esempio, varietà resistenti alla siccità”.


da: “Reuters Deutschland” in Agrapress rassegna stampa estera, 13/9/2018



inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
5xmille

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits