terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

24 gennaio 2018

top_colonna1

Stampa

Quanto resisterà ancora l'attuale agricoltura?

Puntuale, come ogni anno, l'annuario statistico italiano, elaborato dall'Istat, fotografa l'Italia da varie angolazioni, prendendo in esame popolazione, occupati, bilancia commerciale, ecc. Un capitolo dedicato all'agricoltura e sintetizzato da Angelo Gamberini non induce all'ottimismo. Abbiamo continuato infatti a perdere per strada la "materia prima". C'è meno terreno coltivato, c’è un numero decrescente di aziende agricole, si è spopolata la montagna e hanno chiuso le stalle, ecc.
I numeri implacabili di Istat, evidenziano la riduzione delle aziende agricole in attività. Nel 2013, se ne contavano poco meno di 1,5 milioni. Rispetto al 2010 il calo è del 9,3% e conferma una decrescita in atto da anni.
Per fronteggiare il contestuale e progressivo ridursi delle risorse, le aziende agricole hanno imboccato la strada della managerialità e dell'efficienza, con una spinta verso una maggiore imprenditorialità. Si riduce infatti la manodopera familiare (circa 196 milioni di giornate lavorative), che si assottiglia rispetto all’aumento della manodopera esterna e migratoria. Il valore aggiunto è ormai ridotto al lumicino e le aziende che producono solo per autoconsumo sono appena il 2,5% del totale (1,5 milioni).
Non meno preoccupanti sono i "numeri" riguardanti gli allevamenti. Nel censimento del 2010 figuravano in attività 207.000 aziende allevatrici. Nel 2013 se ne registrano 17.000 in meno.
Le tabelle ISTAT confermano anche la flessione del numero di capi in allevamento. Altalenante il comportamento della suinicoltura.
Si è registrato anche un drastico calo nella distribuzione di fertilizzanti che nel 2015, si è fermato a circa 4 milioni di quintali, 1,8 milioni in meno rispetto all'anno precedente. Al contrario è cresciuto l'impiego di fitosanitari, che nel 2015 ha raggiunto quota 1,36 milioni di quintali, con un aumento del 4,7% rispetto al 2014. Fra i prodotti di maggiore impiego figurano i fungicidi (700.000 quintali), seguiti da insetticidi e acaricidi (230.000 quintali).
In conclusione, la foto Istat sull'agricoltura evidenzia il calo dei terreni coltivati, la flessione delle aziende in attività, libere di innovarsi, ma perseguite da condizioni sempre più numerose imposte da norme della pubblica amministrazione.

Da: AgroNotizie, 15/1/2018

inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits