terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

02 novembre 2017

top_colonna1

Stampa

Agricoltura indietro su tech, 'il cibo è la nuova religione'

"L'agricoltura in Europa è più conservatrice che in altre parti del mondo, è una posizione da rivedere". Una via per farlo potrebbe essere il superamento della 'datata' Pac, la politica agricola comune europea, per una onnicomprensiva politica alimentare integrata che vada dall'ambiente alla salute. E' il messaggio che Louise Fresco, direttrice del centro di ricerca dell'Università di Wageningen, lancia in un'intervista all'ANSA sullo stato dell'innovazione nell'agroalimentare del Vecchio continente.
"Il cibo è diventato una nuova religione - dice Fresco - e quando si collega alla tecnologia c'è il rischio del rifiuto: questa è la situazione oggi in Europa. Non realizziamo quanto siamo fortunati rispetto al resto del mondo, quanto abbiamo beneficiato del progresso scientifico in termini di pace e stabilità".
Il cibo come religione? "Sì, prenda coloro per i quali pane e cereali sono cattivi e dovremmo tornare alle diete precedenti all'invenzione dell'agricoltura. Oppure, l'intolleranza al glutine: riguarda meno dell'1% della popolazione, ma oggi in alcuni paesi il 20% della popolazione 'sente' di avere problemi con il glutine. Come chiamare queste cose se non religione? Ma attenzione, se ti senti meglio non mangiando glutine vuol dire che c'è un effetto placebo, che credere ti aiuta. Ecco perché dobbiamo essere tolleranti con le religioni e i pregiudizi. Tutti ne abbiamo, è una delle caratteristiche che ci rende umani. Salvo quando questi atteggiamenti si trasformano in prescrizioni e obblighi per gli altri".
E parlando di religioni del cibo, Louise Fresco sembra disposta a mettere in discussione anche quella che, in fondo, è la base del modello olandese: la religione dell'efficienza. "L'Italia è uno dei paesi dove si può apprezzare di più la bellezza del paesaggio plasmato dall'agricoltura. Anche se a volte è un'agricoltura inefficiente, vogliamo conservare quel paesaggio. Ma la società, e la politica agricola in Europa, devono essere consapevoli che bisogna pagare per tenere alta la qualità della vita nelle campagne".

da: ANSA, 24/10/2017



inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits