terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

01 marzo 2017

top_colonna1

Stampa

Un pregevole manufatto “siciliano” a Vienna: il manto di Ruggero

di Santi Longo

Il manto di Ruggero II, primo re di Sicilia, attualmente esposto nel museo imperiale di Vienna, Weltliche Schatzkammer della Hofburg, è stato oggetto di una conferenza all’Archeoclub di Catania. Lo studioso Francesco Cappello ha illustrato le caratteristiche del manufatto e le vicissitudini del primo trasferimento in Germania da parte di Enrico IV e successivamente in Austria. Il manto, come riportato, in caratteri cufici, lungo il bordo semicircolare, è stato realizzato nel Thiraz (opificio di tessitura) del palazzo reale di Palermo nell'anno 528 dell'Egira (A.D. 1140 circa). Il pregevole manufatto, che misura 345 x 146 cm, è in seta color rosso scarlatto ed è ricamato con fili d'oro, smalti e perle. La palma da datteri al centro, simbolo dell’unione e della vita, divide simmetricamente il motivo decorativo, ripetuto su ambo i campi destro e sinistro, che raffigura il leone normanno, simbolo degli Altavilla, in atto di sovrastare il dromedario arabo. Il ricamo è stato eseguito nel Rakam, laboratorio di disegno reale, e combina elementi islamici, romanici, latini e bizantini. Il manto è una testimonianza dell’importanza della bachicoltura e dell’industria serica siciliana, che fu potenziata dagli Arabi con la diffusione del gelso, pianta nutrice del Baco da seta e con la costruzione di opifici per la lavorazione della seta e dei manufatti tessili che, fin dal secolo IX erano esportati nei mercati di Alessandria d'Egitto, di Napoli, di Amalfì e di Salerno. L’industria serica siciliana mantenne nel tempo standard elevati e raggiunse l'apice, sul piano commerciale, nel secolo XVII, quando la seta era il primo prodotto più esportato. Per colorare di rosso la seta del manto, è stato utilizzato un pigmento ricavato dall’emolinfa delle femmine della Cocciniglia delle querce Kermes vermilio (Fig.2), raccolte prima dell’ovideposizione, essiccate e triturate e manipolate secondo tecniche tenute segrete.
Un’ultima annotazione riguarda il significato politico del mantello reale; simbolicamente il motivo decorativo rappresenta il leone normanno che sovrasta il dromedario simbolo dei mussulmani sottomessi (Fig.3). per contro, durante la dominazione araba dell’Isola, in molti manufatti mussulmani, era il dromedario arabo a sottomettere l’asina siciliana. Un esempio è la scultura, realizzata in steatite, esposta nella mostra “Gli Arabi in Sicilia” insieme ad altri oggetti di uso comune e decorativi, di epoca araba in Sicilia


Fig.1 Il manto di Ruggero II.

Fig. 2. Femmine della cocciniglia del carminio, Kermes vermilio, su Quercus ilex.



Fig.3 Scultura in pietra saponaria raffigurante un dromedario che si accoppia con un’asina. (Sicilia sec. X-XII)


inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits