terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

12 ottobre 2016

top_colonna1

Stampa

Evoluzione della meccanica agraria dalle origini al XIX secolo

di Paolo Amirante

L’uomo preistorico per sopravvivere  è diventato agricoltore; negli scavi  archeologici  si sono ritrovati attrezzi acuminati o affilati, usati per incidere il terreno o raccogliere le erbe da mangiare.  Alla preistoria risale il primo rudimentale aratro;  l'aratro del Lavagnone risale ad una fase iniziale della cultura di Polada  (nel 2000 a.C.) ed è il più antico aratro del mondo che sia giunto sino a noi.             
Il nome deriva dalla località di Polada, nel territorio del comune di Lonato del Garda, dove negli anni tra il 1870 e il 1875 si ebbero i primi ritrovamenti attribuiti a questa cultura,  in seguito a lavori di bonifica in una torbiera. Altre ritrovamenti importanti si ritrovano nell'area tra Mantova e i laghi di Garda e di Pusiano.

Figura 1  Aratro preistorico

L'aratro preistorico è uno strumento costruito interamente in legno che, come ogni materiale organico ed in normali condizioni di giacitura, nei nostri climi, si decompone; solo in condizioni anaerobiche, come quelle di una torbiera, il legno si conserva perfettamente. L’aratro fu scoperto nel 1978 in uno strato torboso, incastrato tra i pali dell'insediamento palafitticolo del Lavagnone.  

Figura 2  Aratro dell’antico Egitto

Altre  antiche testimonianze dell'aratro risalgono all'età del neolitico nell'antico Egitto. Gli aratri dell'antichità si distinguono in due grandi raggruppamenti, classificati secondo la tipologia della  bure, ossia del timone dell'aratro: quelli a bastone (in cui la  bure è diritta e si collega a un primitivo bastone da scavo) e quelli ad uncino in cui la bure è invece ricurva.  Tuttavia, in Italia l’inizio della meccanizzazione si può far risalire al 1663, allorché l'italiano Giuseppe Locatelli realizzò una macchina seminatrice  che  consisteva in un cassetto che si applicava all'aratro munito di un distributore a cucchiaio che ruotava con il movimento dell'aratro stesso.
Nel 1670 un altro italiano, Giovanni Cavallina inventò la prima macchina seminatrice meccanica, che fu perfezionata da Francesco Lana di Brescia. Questa nuova macchina era composta da una cassetta rettangolare con due ripiani bucherellati, sorretta da ruote.  Dal piano superiore in semi cadevano su quello inferiore e da questo in una serie di piccoli tubi che guidavano i semi in profondità nei solchi scavati dall'aratro.

Jethro Tull,  un agronomo e inventore inglese, pioniere della moderna agricoltura e inventore, nel 1701, da vita alla prima seminatrice meccanica; Tull   è considerato uno dei fautori del metodo scientifico in agricoltura ed  ha contribuito a trasformare le pratiche agricole, inventando o migliorando numerosi strumenti (cfr. Figura in apertura). 

Nel 1832  tre italiani, Raffaele Lambruschini, Luigi e Cosimo Ridolfi, misero a punto il rovesciatore elicoidale, una specie di elica che rigira completamente il terreno sminuzzandolo .            

Figura 4 Statua di Cosimo Ridolfi a Firenze

Questo dispositivo venne studiato e perfezionato da un americano e da un italiano, quest'ultimo nel 1862 realizzò l' aratro ravagliatore .provvisto di vomere e di versoio. Nello stesso periodo vennero realizzati i primi aratri con più vomeri, ma a questo punto la forza degli animali non bastava più a smuovere le nuove macchine, era tempo di trovare una soluzione  con nuove macchine motrici che riducessero lo sforzo  fisico dell’uomo e l’uso della trazione con gli animali.

Foto in apertura:  La seminatrice di Tull


Evolution of agrarian mechanics from its origins up to the 19th century
Prehistoric man became a farmer in order to survive. Pointed and sharp tools, used to work the soil or gather edible herbs, have been found in archeological excavations. The first rudimentary plough goes back to prehistory, with the Lavagnone plough, the oldest plough in the world to have come down to us, dating to the initial phase of the Polada culture (2,000 B.C.). The name derives from the Polada area in the Lonato del Garda municipality, where the first finds attributed to this culture were found between 1870 and 1875 following reclamation work in a peat bog. Other important finds were found in the area between Mantua and Lakes Garda and Pusiano.
The prehistoric plough (photo 1) is a tool made entirely of wood. Like any organic material left lying about in our climate, it normally decomposes. Only under anaerobic conditions, such as those of a bog, is wood preserved perfectly. The plough was found in 1978 in a peat layer, wedged among the stilts of the lake settlement of Lavagnone.  




inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits