terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

12 ottobre 2016

top_colonna1

Stampa

Perché non usare anche il legno per produrre alimenti?

di Alessandro Bozzini

Una mia conoscente mi ha telefonato per sapere come si possono controllare i tarli che avevano infestato alcuni suoi mobili. Le ho suggerito di usare alcuni specifici insetticidi, che può trovare facilmente nei nostri negozi. Tuttavia, consultando Internet a proposito, mi sono reso anche conto che il legno, la cellulosa ed in genere la vegetazione sono usati e metabolizzati da numerosissime specie: batteri, come gli Pseudomonas e gli Achronobacter ecc.; funghi, particolarmente gli Attinomiceti, capaci di degradare ed utilizzare lignina, cellulosa, cere, chitina, proteine complesse ecc. Del resto molte specie di funghi mangerecci sono oggi allevati industrialmente, sempre su substrati vegetali. Esistono anche molti insetti xilofagi (oltre ai tarli, presenti con numerose specie, raggruppate in 3 famiglie) possiamo ricordare le termiti (un ordine che raccoglie un numero elevatissimo di specie, raggruppate in 5-7 famiglie). 
Ho anche appreso che alcuni scienziati oggi sostengono che i funghi xilofagi, comparsi nella terra intorno a 300 milioni di anni fa, potrebbero essere i principali responsabili della fine del periodo carbonifero del nostro pianeta, iniziato 60 milioni di anni prima e che aveva generato i grandi depositi di carbon fossile presenti nel pianeta, ancor oggi usato largamente come combustibile. Tali organismi avrebbero infatti provocato un grande decadimento dell’enorme massa di vegetali, allora presenti sulla terra.
A questo punto mi sono chiesto: non potremmo oggi usare i vari enzimi, ovviamente presenti in tutti questi organismi xilofagi, per trasformare la lignina, le cellulose ecc. presenti nelle paglie di tutti i cereali, delle leguminose da granella ed altre specie largamente coltivate e presenti nelle ramaglie residue dopo l’ottenimento di legname per i vari usi oggi possibili, in modo da ripercorrere in senso inverso il processo di lignificazione operato dai vegetali, fino ad ottenere prodotti (glucidi, lipidi, proteine ecc.) utilizzabili per ottenere mangimi e quindi usabili per una alimentazione alternativa dei nostri animali domestici, sostituendo la granella dei cereali oggi largamente usati come mangimi (mais, orzi, segale, sorghi ecc.) e le leguminose (soia, favini ecc.) che potrebbero quindi essere più disponibili per gli affamati del pianeta? Avremmo a disposizione una grande quantità di alimenti da prodotti oggi usati praticamente solo come sorgenti di energia e fertilizzanti!
Non varrebbe la pena di finanziare ricerche a tal fine, per verificare la possibile realizzazione e quindi l’uso alimentare di tali prodotti, che oggi sono spesso considerati anche di difficile smaltimento? Ricerche in tale settore, con la possibile collaborazione di biologi, biochimici, veterinari ecc., potrebbero certamente fornire risultati interessanti per verificare la fattibilità di una soluzione alternativa di un problema (la fame) che certamente interesserà molto anche i nostri figli e nipoti. 
In caso di successo, anche parziale, la natura ci potrebbe ancora una volta offrire una soluzione ad uno dei nostri più importanti problemi esistenziali. Credo che veramente valga la pena di considerare e quindi promuovere tali possibili iniziative!


Why not use wood to also make foods?
Wood, cellulose, and vegetation are typically used and metabolized by many species. Bacteria and fungi are able to break down and use lignin, cellulose, waxes, chitin, complex proteins, etc. Besides, many species of edible mushrooms are today industrially grown on plant substrates. There are also many wood-eating insects in addition to numerous species of woodworms, grouped into three families. Termites, whose order includes a very high number of species divided into 5-7 families, should also be mentioned. Today, couldn’t the various enzymes obviously present in all these wood-eating organisms be used? Lignin, the celluloses found in cereal straws, legumes and other widely cultivated species as well as in the branches remaining after cutting timber used for different purposes could be transformed by following backwards the lignification process used by plants to produce glucides, lipids, proteins etc. They could be used to produce alternative food for our domestic animals and to replace the grain cereals largely used today as fodder (corn, barley, rye, sorghum, etc.), thus making them more available to the planet’s starving people. We would have at our disposal a great quantity of foods from products that today are practically only used as fertilizers and as energy sources!

inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits