terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

05 ottobre 2016

top_colonna1

Stampa

Le parole non bastano

di Franco Scaramuzzi

Il nostro Paese non può che esprimere soddisfazione sentendo ripetere che sono in crescita le esportazioni di prodotti alimentari "Made in Italy" elaborati dalle filiere o dalle industrie. Ma ci accorgiamo che stiamo diventando anche più grandi importatori di prodotti agricoli primari, cioè dell'unica vera fonte di tutti i nostri alimenti.
Mentre l'olivicoltura italiana, bloccata e paralizzata dalla pretesa di voler conservare gli attuali paesaggi agricoli, avrebbe già ridotto le proprie produzioni di almeno 1/3. Nel 2015 abbiamo importato oltre 500 milioni di chili di olio dichiarati (non sempre) extra vergini (da Spagna, Grecia, Tunisia, ecc.), mentre la nostra produzione nazionale forse non ha superato neppure i 300 milioni di chili. Quelle importazioni sono fonti di un gran numero di frodi. Si calcola che nel 2015 siano quadruplicate contraffazioni, falsificazioni, adulterazioni, ecc. Spesso sono facilmente riconoscibili, sopratutto nei casi in cui una bottiglia di olio extra vergine etichettata viene posta in vendita a prezzi inferiori alla metà di quelli che sono gli oneri di produzione che i nostri agricoltori devono sostenere. Non occorrerebbe neppure una analisi quando il prezzo rivela chiaramente che il prodotto non può essere quello che si intendeva acquistare. I giornali divulgano che tre contenitori su quattro contengono oli importati e miscelati. Nei luoghi di vendita, oli imbottigliati ed etichettati sono manomessi almeno in 2 bottiglie su 3. 
L'agricoltura subisce queste crescenti difficoltà anche per altri prodotti agricoli primari, quali i grani, il cui prezzo in un anno è crollato oltre il 40% per il grano duro da pasta e del 20% per quello tenero da panificare. Attualmente, gli agricoltori sono stati pagati con non più di 18 centesimi al chilogrammo per quello duro e di 16 centesimi per quello tenero. Prezzi che sono ampiamente al di sotto dei nostri costi di produzione (da La Nazione del 29 settembre 2016). 
Le "filiere" agroalimentari, cioè quelle cosiddette "dal campo al consumatore", al termine della annuale vendita finale incassano somme che comprendono valori aggiunti non indifferenti (ossia un reddito complessivo e crescente della filiera) che sarebbe quindi equo ripartire ragionevolmente, in accordo fra tutte le imprese coinvolte.
Se gli agricoltori continuassero invece ad essere prevaricati, tanto da vedersi costretti a non seminare neppure, la filiera risulterebbe sgangherata ed insicura in un futuro destinato a cambiare. I nostri agricoltori hanno ragione di pretendere che l'antico e apprezzato marchio "Made in Italy" rimanga comunque legato alle sue tradizionali origini, cioè quali prodotti primari genuini che la nostra agricoltura ha visto sempre apprezzare.
Sarebbe giusto citare anche le crescenti importazioni di altri prodotti alimentari primari, a cominciare dal latte. 
Già da molti anni i Georgofili hanno evidenziato queste esigenze. Ma hanno anche segnalato la debolezza politica che rischia di rendere succubi le imprese agricole rispetto ad altre più compatte e unite in una sola organizzazione rappresentativa.
E' comprensibile che questi processi di adeguamento strutturale non siano facili, in quanto sostenuti da forti interessi, anche personali e illegittimi. Non si può comunque continuare sulla strada che è stata intrapresa, senza alcun intervento riparatore, che sia coraggioso e responsabile.

Words are not enough
Our country can only be satisfied repeatedly hearing that exports of "Made in Italy" foods produced by food-chains and industries are growing. Meanwhile we are becoming even larger importers of primary agricultural products, i.e., the only real source of our foodstuffs.
Whereas Italian olive growing industry, blocked and paralyzed by the pretense of wanting to preserve agrarian landscapes, has already reduced its production by at least one-third. In 2015, we imported over 500 million kilos of oil which were declared (but not always) as extra virgin (from Spain, Greece, Tunisia, etc.) while our domestic production perhaps did not even exceed 300 million kilos. Those imports are the source of a large number of frauds. Agriculture has also experienced these rising difficulties for other primary agricultural products, such as grains where the price of durum wheat for pasta and common wheat for bread-making has decreased in one year 40% and 20%, respectively. At present, farmers are paid 18 cents per kilo for durum wheat and 16 cents for common wheat. Prices well under our production costs!
We should also mention the growing imports of other primary food products starting with milk.
If farmers continue to be abused to the point of being forced not even to sow, the chain would become unbalanced and insecure into a future bound to change. Our farmers are right to claim that the historic and respected "Made in Italy" brand must be tied to its traditional origins, namely those genuine primary products that have always been appreciated.



inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits