terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

23 marzo 2016

top_colonna1

Stampa

Corpo Forestale e Forza Armata dei Carabinieri

di Giovanni Bernetti

La soppressione del Corpo Forestale non può lasciare indifferente chi, durante 64 anni di studio dei boschi, ha  ricevuto dal personale del Corpo  sempre  assistenza cordiale e competente   e spirito di colleganza. 
Le opinioni contrarie  a questo  fin troppo discutibile provvedimento si richiamano all’indispensabile appoggio tecnico  che il  Corpo Forestale  potrebbe fornire nella realizzazione di una politica dello sviluppo rurale come ha già fatto nella realizzazione delle opere previste dalla Legge per la Montagna del 1952.  Allora  un obiettivo politico  c’era,  ed era quello di scongiurare lo spopolamento della montagna. Tuttavia, l’impegno e il merito non sono stati coronati dall’effetto e dopo un iniziale rallentamento, l’esodo dalla montagna, e poi anche dalla collina, è ripreso e non a caso l’apporto  dei boschi e delle boscaglie di invasione dei campi ha praticamente raddoppiato la superficie forestale nazionale. Per inciso: in Lombardia rispetto al 2013 la superficie forestale è aumentata di 1.572 ettari. 
Dal 1970 in poi, le competenze in materia di agricoltura e foreste sono passate alle Regioni. Sarebbe facile critica dire che le Regioni non mostrano di avere importanti obiettivi di politica forestale. Il fatto è che alle regioni manca l’interfaccia di una attiva economia forestale tanto che,  nel frattempo, i boschi sono diventati un bene rifugio lasciato senza alcuna gestione. Basti pensare che i privati accettano tranquillamente leggi regionali contenenti norme tanto ristrette da annullare la convenienza dell’uso del bosco, mentre alcuni comuni sono arrivati a dare in affitto i boschi di loro proprietà. 
In questo vuoto di imprenditorialità un Servizio  Nazionale  provvisto di sedi  periferiche attrezzate per il telerilevamento, le misure dendrometriche, eccetera,  potrebbe intervenire nella gestione dei boschi per sopperire  ad una politica di sviluppo rurale produttivo.
La politica alternativa a quelle dello sviluppo rurale produttivo è quella della conservazione dell’ambiente e della natura. Della gestione dei boschi, delle altre forme di  vegetazione  e dei vivai (pericolosi per via dell’introduzione delle specie esotiche invasive) si ha, tuttavia,  una visione piuttosto astratta. Prevale il sostegno di valori assoluti da proteggere con provvedimenti  di  tutela, salvaguardia, protezione, vigilanza, denunce e immancabili certificati e dichiarazioni di conformità. E’ da verificare allora, se per la realizzazione della politica ambientale sia da preferire l’assistenza di un servizio tecnico oppure  sia meglio l’appoggio a un  regime di polizia  garantito da una istituzione efficiente, disciplinata e bene attrezzata, come sarebbe, appunto, una  delle  Forze Armate dello Stato.  



Forest Corps and Carabinieri Armed Force
During its 64 years of forest studies, those who always received friendly, knowledgeable service in a collegial spirit from the Corps staff cannot be indifferent to the abolition of the Forest Corps itself.
Opinions contrary to this all too controversial measure refer to the indispensable technical support that the Forest Service could provide in the implementation of a rural development policy, as happened with the works prescribed by the 1952 Mountain Law. Currently, in this entrepreneurial vacuum, a national service with outlying facilities equipped with remote sensing and dendrometric measurements, etc., could intervene in forest management to make up for a rural production development policy.
The alternative policy to rural production development is that of environmental and nature preservation. However, we have a rather abstract vision for managing forests, other plant forms, and nurseries (dangerous because of the introduction of invading exotic species). 
To implement environmental policy, then it must be verified whether the presence of a technical service is to be preferred, or whether it is better to support a police system guaranteed by an efficient, disciplined, and well-equipped institution, like the Armed Forces of the State, to be precise.

inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

SANDRO PAOLI - inserito il 10/05/2016

Purtroppo i privati non accettano ma subiscono la politica forestale ambientalista delle Regioni che ha stravolto la selvicotura da sempre praticata, con conseguente abbandono del bosco a causa dell'annullamento del valore di macchiatico. Se i comuni affittano le loro proprietà è perchè è venuta meno la funzione tecnica del Corpo Forestale oggi dedito alla sola funzione di "repressione" e non di prevenzione e gestione come era prima della riforma del 2004,fatta da sanzioni non sempre corrette come lo dimostrano i numerosi ricorsi che vengono presentati. Le misure dendrometriche lasciamole ai tecnici quando devono redigere progetti di taglio.

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits