terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

13 gennaio 2016

top_colonna1

Stampa

Insetti OGM per combattere malattie infettive e parassiti agricoli

Un recente rapporto della Camera dei Lords invita il governo britannico a realizzare una prova in campo su insetti geneticamente modificati (OGM), essendo il Regno Unito leader mondiale in questo filone di ricerca.
La tecnologia consiste nel rendere gli insetti incapaci, per esempio, di trasmettere malattie infettive come la malaria, il che potrebbe aiutare quasi la metà della popolazione mondiale che vive in zone a rischio. 
La tecnologia biotech potrebbe anche essere impiegata in agricoltura, per ridurre le popolazioni di insetti che minacciano gli animali e le coltivazioni, risparmiando così miliardi di sterline a livello globale. 
La tecnologia utilizza le tecniche di "gene drive", che inducono il declino di una specie dannosa agendo direttamente sui suoi geni.
La Commissione su scienza e tecnologia della Camera dei Lords ha prodotto un report, dopo un'indagine di quattro mesi sulla questione.

Il report conclude che:
1. gli insetti OGM hanno un notevole potenziale per il controllo delle malattie trasmesse dagli insetti e contro i parassiti agricoli e che il Regno Unito, come leader mondiale in questo settore della ricerca, potrebbe trarne notevole potenziale economico; 
2. la mancanza di linee guida internazionali sulla regolamentazione e la governance delle tecnologie di insetti OGM potrebbe influenzare di più i Paesi che possono beneficiare di tali tecnologie.

Le principali raccomandazioni contenute nel report sono le seguenti:
Il Governo deve agire per garantire che l'attuale sistema di regolamentazione sia in grado di funzionare correttamente e deve impegnarsi a lavorare con l'UE per capire come migliorare il sistema.
La ricerca e il quadro normativo delle politiche UE sugli OGM devono essere validati, pertanto i Dipartimenti del governo dovrebbero lavorare insieme al fine di avviare una prova sul campo.
Accanto alle prove sul campo, il governo dovrebbe avviare un programma di impegno pubblico supportando la ricerca e la diffusione commerciale di questa tecnologia.
L'UE deve rivedere la sua regolamentazione, in modo da riflettere anche sui benefici e non solo sui rischi degli organismi OGM. Considerata l'evoluzione delle nuove tecniche di ingegneria genetica, nel lungo periodo la regolamentazione dovrebbe essere rivista sulla base delle caratteristiche della tecnologia, piuttosto che sul processo.


Da: Freshplaza.it,  21/12/2015


inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

Giuseppe Fontanazza - inserito il 13/01/2016

Trovo la proposta della camera dei Lords a sollecitare la creazione di insetti OGM finalizzati tra l'altro alla lotta di insetti dannosi alla agricoltura. I primi risultati sarebbero incoraggianti in tal senso e suggeriscono di affrontare il problema a livello comunitario, presumo, per coinvolgere i vari paesi europei ad affrontare il problema superando il preconcetto della dannosità di organismi OGM; vedasi sl riguardo la situazione italiana.Per entrare nello specifico sarebbe interessante conoscere se sono state avviate ricerche sulla possibilita' di modificazioni genetiche della Bactrocera Oleae ( Mosca delle olive), uno dei piu'temibili parassiti dell'olivo la cui lotta sia con sistemi tradizionali che cosiddetti biologici non sempre garantiscono risultati validi sia sl fini produttivi che della qualita' dell'olio di olive da olio e più ancora di olive da mensa.

inter_colonna1
top_colonna3
5xmille

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits