terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

07 ottobre 2015

top_colonna1

Stampa

Come cambierà la viticoltura italiana nel prossimo decennio?

di Cesare Intrieri

Tra le trasformazioni che hanno caratterizzato la viticoltura italiana degli ultimi quindici anni, una delle principali è stata la progressiva scomparsa di molte piccole aziende e l’abbandono di alcune aree a vigneto, sia perché in condizioni marginali, sia perché non più adeguate sotto il profilo qualitativo e tecnico. Questo processo, che ha significato per l’Italia una riduzione della superficie viticola dagli 800.000 ettari del 2000 agli attuali 650.000 ettari circa, sembra ora essersi arrestato, ed anzi è ipotizzabile che nei prossimi dieci anni la superficie a vigneto possa registrare un leggero recupero. Il numero delle piccole aziende continuerà comunque a diminuire, ma sarà più che compensato dall’aumento di quelle di maggiori dimensioni.  Alla fine del prossimo decennio è ipotizzabile che l’azienda viticola italiana, che oggi non supera mediamente i 3 ettari di vigneto, possa attestarsi attorno ai 4-5 ettari. Al di là di questo cambiamento strutturale, l’industria vitivinicola sembra peraltro avviata verso ulteriori importanti modifiche, con gli obiettivi primari di incrementare la sostenibilità della coltura e di aumentare il suo rapporto qualità/prezzo.
Per quanto riguarda la sostenibilità, è presumibile che nel prossimo decennio siano sempre più ridotti gli interventi di difesa, sia per un più razionale monitoraggio dello sviluppo dei patogeni, anche utilizzando la viticoltura di precisione, sia per un possibile uso di nuovi vitigni da incrocio più tolleranti alle malattie. È anche ipotizzabile che inizino ad essere impiegati alcuni vitigni “classici” migliorati con l’inserimento di geni di resistenza ad alcune fitopatie. In pratica, la normale viticoltura “integrata” si avvicinerà sempre maggiormente a quella “biologica” e sottrarrà spazi anche alla viticoltura “biodinamica”. 
Per migliorare il rapporto qualità/prezzo si imporrà quasi certamente la sostituzione di alcuni vitigni, non più apprezzati dal mercato, con altri più aderenti ai gusti dei consumatori e dotati di spiccata personalità. In questo aggiornamento varietale è probabile che perdano terreno anche le varietà “internazionali” e che vengano invece valorizzati ulteriormente i vitigni italiani “territoriali”, cioè quelli che da sempre hanno caratterizzato le diverse zone viticole rifiutando la standardizzazione del gusto.
Sul rapporto qualità/prezzo influirà positivamente anche una progressiva riconversione degli impianti, che porterà alla sostituzione di molti sistemi non meccanizzabili con altri più moderni e suscettibili di meccanizzazione integrale.  Potranno essere meccanizzati anche interventi come il diradamento dei germogli e dei grappoli che oggi sono effettuati a mano. Questo permetterà di abbattere i costi e sarà utile per mantenere i prezzi entro limiti compatibili con la concorrenza internazionale. È infatti ipotizzabile che i consumi interni di vino possano ancora diminuire, e che il futuro dell’industria vitivinicola nazionale sia sempre più legato alle sue capacità di esportazione.
Sotto il profilo agronomico, è infine probabile che nel prossimo decennio vengano maggiormente utilizzate le innovazioni tecniche prodotte dalla ricerca, che a loro volta favoriranno la qualità indirizzando i comportamenti fisiologici delle piante verso obiettivi pre-definiti, quali il controllo delle rese e dei ritmi di maturazione. Se infatti nel prossimo decennio le temperature medie annuali aumenteranno ancora, sarà sempre più necessario adottare interventi “mirati” di manipolazione della chioma (ad esempio defogliazioni e cimature), per riequilibrare agli altri processi biochimici l‘eccessiva accumulazione zuccherina delle uve, dal momento che il mercato di massa del prossimo decennio continuerà a richiedere prodotti di qualità, ma meno impegnativi, freschi, fruttati e con gradazioni alcoliche moderate.
In sintesi, potranno essere molte le innovazioni del prossimo decennio per la vitivinicoltura italiana, che al pari di quanto sta avvenendo nelle aree più avanzate della viticoltura mondiale dovrà guardare avanti, per non rimanere ingessata all’interno di indirizzi statici che potrebbero comprometterne la vitalità economica e sociale.  


How will Italian viticulture change over the next decade?

One of the major changes characterizing Italian viticulture in the last fifteen years has been the progressive disappearance of many small vineyards and the abandonment of some vineyard areas because of both their marginal condition and their being qualitatively and technically inadequate. This process has led to a reduction of Italy’s wine-growing surface from 800,000 hectares in 2000 to the approximately 650,000 hectares of today – a process that now seems to have stopped. Indeed, it is conceivable that, in the next ten years, vineyards may register a slight recovery in surface area. The number of small vineyards will continue to decrease but it will be more than counterbalanced by the increase in the larger ones. At the end of the next decade, we can assume that the average Italian vineyards, which are not more than 3 hectares today, will cover about 4-5 hectares. Besides this structural change, the wine industry seems moreover to be going towards other important changes with the primary objectives of increasing crop sustainability as well as the quality/price ratio.



inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

inter_colonna1
top_colonna3
5xmille

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits