terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

01 ottobre 2014

top_colonna1

Stampa

Giù le mani dall’agricoltura

Alla domanda rivolta ad una rubrica del “La Nazione” sulla nuova PIT proposta dalla Regione Toscana e sui motivi delle reazioni degli agricoltori ha risposto l’autorevole giornalista e scrittore Maurizio Naldini. Si ritiene opportuno divulgare l’informazione, riportandone qui di seguito integralmente il testo.

Il  piano paesaggistico della Toscana è ormai pronto, dopo un lungo travaglio, e proprio domani scade il termine ultimo per le osservazioni. E’ un documento di 3mila pagine in cui si raccomanda di conservare le antiche colture e, soprattutto, non provvedere  a nuovi sbancamenti per vigneti. La Regione si sente in dovere di intervenire per il fatto che sostiene economicamente l’agricoltura e quindi giudica necessario fornire delle indicazioni. E tuttavia, quel piano solleva molte perplessità anche all’interno della Giunta regionale, senza parlare delle dure critiche mosse da associazioni di coltivatori di opposte sponde politiche e anche da sindaci e assessori. Ma quello che a noi interessa è il giudizio degli storici e di coloro che hanno fatto dell’agricoltura una materia di studio e di ricerca. Ebbene, tutti loro si ribellano all’idea che l’agricoltura debba essere studiata a tavolino non con lo scopo di produrre e dare lavoro, ma piuttosto gradevolezze estetiche, trasformando i contadini in giardinieri. Senza agricoltura non si mangia, dicono chiaro e tondo. E dunque “lasciateci lavorare”, specie in questo periodo di crisi. E non dimentichiamo, soprattutto, che le colline fiorentine, così come le senesi, sono così belle perché abitate e trasformate nei secoli dall’uomo e non certo per  loro “natura”. Difficile respingere questo tipo di osservazioni. Comunque, a chi volesse informarsi a fondo sul paesaggio agricolo toscano consigliamo uno splendido libro edito da Polistampa per conto dell’Accademia dei Georgofili nel 2012. E’ dedicato agli “Olivi in Toscana”, ma tratta diffusamente di paesaggio agricolo. Ebbene, in quel volume il Prof. Franco Scaramuzzi, il maggiore esperto del settore, scrive fra l’altro: “… voler conservare lo statu quo delle coltivazioni, considerando a priori il paesaggio agricolo esistente come esteticamente migliore di quello imprevedibile di una innovata agricoltura futura, costituisce già di per sé un atto di infondata presunzione. Comunque, concepire l’agricoltura come uno statico monumento da conservare rappresenta un concetto aberrante e un utopistico obiettivo irraggiungibile”.


Da La Nazione, 28/09/2014


inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

Giuseppe Fontanazza - inserito il 01/10/2014

Assolutamente condivisibile l'opinione espressa da Naldini nell'articolo della Nazione in merito agli a dir poco anacronistici principi espressi dalla Regione Toscana nel suo piano paesaggistico relativamente alla vite. E' chiaramente espresso il concetto che l'agricoltura nelle sue espressioni colturali non puo' essere considerato una sorta di museo a cielo aperto, dove tra l'altro diventa difficile proteggerne la staticita'. Ma il punto fondamentale sta nel fatto che in agricoltura non si puo' non accettare la evoluzione, cosi' come la storia stessa ci insegna e le immagini pittoriche del paesaggio toscano e non indicano chiaramente il modificarsi nel tempo della architettura dei vigneti, in relazione alla evoluzione tecnologica della piantagione ed ancora di più", l'architettura della pianta in relazione ad esempio alla raccolta, nel passaggio ormai consolidato da manuale a meccanica con macchine scavallatrici.Lo stesso vale per l'altra coltura arborea, la olivicoltura di altrettanta importanza economica per la Toscana.La citazione dell'autore della affermazione del prof. Scaramuzzi calza perfettamente al riguardo.Tuttavia si potrebbe in qualche modo e comunque fatti salvi presupposti economici e scelte imprenditoriali, esprime da parte della Regione un indirizzio di orientamento sulla scelta delle colture ai fini della caratterizzazione del paesaggio in funzione storico-colturale; sempre comunque nel rispetto della scelta imprenditoriale che sta alla base della economia agricola.

alessandro chiusoli - inserito il 01/10/2014

scoprire l'agricoltura,come un campo per arraffare un po' di potere è tipico degli arrampicatori culturali che infestano il nostro Paese. Sarebbe come far curare gli ammalati dai tecnocrati o dai politici. Gli agronomi ed i forestali hanno una certa competenza in materia, ma filosofi del paesaggio, arraffatori sociali ed altre incapaci categorie oggi bsinsgolano per esporre cavolate estremamente pericolose,

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits