terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

23 ottobre 2013

top_colonna1

Stampa

Cambia il clima: c'è bisogno di selezionare nuove piante

di Francesco Ferrini

Il rapporto dell' "UN's Climate Panel"  (IPPC, emesso alla fine di settembre 2013) fornisce dettagli sulla prova fisica del cambiamento climatico: a livello del terreno, nell'aria, negli oceani, il riscaldamento globale è, infatti "inequivocabile". La relazione aggiunge che una pausa del riscaldamento nei prossimi 15 anni è considerata troppo breve per portare ripercussioni a lungo termine sul clima. 
IPPC avverte che le emissioni continue di gas causa dell' aumento dell' effetto serra causerà un ulteriore riscaldamento e cambiamenti in tutti gli aspetti del sistema climatico. Per contenere questi cambiamenti saranno necessarie "riduzioni sostanziali e durature delle emissioni di gas serra". Le proiezioni sono basate su ipotesi su quanto gas serra potrebbe essere rilasciato. Dopo una settimana di intensi negoziati a Stoccolma, la sintesi è stato finalmente rilasciata dai responsabili politici sulla scienza fisica del riscaldamento globale. la prima parte di una trilogia di IPCC, con scadenza nei prossimi 12 mesi; è un documento di 36 pagine considerato la dichiarazione più completa sulla  comprensione della meccanica di un pianeta che si surriscalda. Essa afferma senza mezzi termini che, dal 1950, molti dei cambiamenti osservati nel sistema climatico sono "senza precedenti nel corso di millenni ". Ciascuno degli ultimi tre decenni è stato successivamente più caldo sulla superficie della Terra, e più caldo rispetto a qualsiasi periodo dal 1850, e probabilmente più caldo che in qualsiasi momento negli ultimi 1.400 anni. 
Sappiamo che uno dei metodi migliori per combattere gli effetti del cambiamento climatico sia quello di piantare alberi intorno alle proprietà private, nelle città e nella foreste. Attraverso il processo naturale di fotosintesi, gli alberi assorbono le particelle di CO2 e di altri inquinanti, quindi stoccano il carbonio ed emettono ossigeno puro. Ma conosciamo l'effetto dei cambiamenti climatici sugli alberi e come saranno guidare le nostre scelte? Per specificare gli effetti futuri dei cambiamenti climatici sulla arboricoltura, sono necessarie previsioni affidabili dei cambiamenti transitori del clima regionale e globale. C'è un consenso quasi generale sul fatto che la temperatura mondiale si può riscaldare in misura senza precedenti nella storia documentata dell'umanità, e che questo è dovuto principalmente all' “effetto serra". Pertanto, alla fine del 2013, abbiamo bisogno di selezionare le piante che tollerano il cambiamento climatico che si prevede di portare a regime delle precipitazioni alterate, con un aumento della frequenza e della gravità di siccità estiva nei diversi settori in entrambi gli emisferi e, probabilmente, di eventi meteorologici estremi (tempeste , trombe d'aria , ecc.). La siccità è considerato il fattore più significativo, non solo nei climi mediterraneo, per come può fortemente influenzare la sopravvivenza e la crescita di alberi appena piantati e il successivo  sviluppo di malattie resistenza dei parassiti delle piante. Non solo, devono essere considerati nella scelta di materiale di propagazione gli effetti a breve termine sulla crescita o la sopravvivenza negli anni a estremi importanti, e  gli effetti a lungo termine sulla crescita. Con la scarsità d'acqua imminente in molti aree urbane che portano a divieti di irrigazione o irrigazione, piantare alberi che sono più tolleranti a condizioni di siccità prolungata è la migliore soluzione a lungo termine per un più sano paesaggio a bassa manutenzione. 
In questo scenario le possibili misure di adattamento comprendono cambiamenti delle pratiche di impianto e gestione dell'albero, una migliore corrispondenza delle specie,  e la messa a dimora di specie non indigene. Opinione corrente è quello di incoraggiare la messa a dimora di provenienze locali delle specie autoctone, citando il loro adattamento alle locali condizioni, e l'obbligo di mantenere la biodiversità e una base genetica nativa. Tuttavia, le specie autoctone o naturalizzate potrebbero non essere in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici, soprattutto in considerazione del tasso di variazione previsto. Reperire piante da regioni con un clima simile a ciò che prevedono gli studi sul futuro climatico, può fornire una possibilità, anche se è necessario prestare attenzione, assicurandosi che le piante siano selezionate per non incorrere in rischi, per esempio, come quelli da gelate primaverili che sarebbero dannose per lo sviluppo dell'albero. 
Oltre al cambiamento climatico, devono essere considerati altri fattori al fine di garantire che l'impianto corretto è posto in un luogo specifico nel momento specifico e con le tecniche appropriate in generale;  questi fattori che, tuttavia, sono influenzati dai cambiamenti climatici, sono suddivisi in tre grandi categorie: progettazione, caratteristiche del sito e gestione della manutenzione. Più in particolare, i fattori da considerare nella scelta di alberi per le strade della città o nei parchi includono i requisiti tecnici come la risposta alla potatura, la stabilità, la resistenza alle malattie e l'assenza di parassiti catastrofici, l' adattamento del terreno, la tolleranza del sole o dell'ombra, la provenienza e altro ancora. Infine, la selezione dovrebbe essere basata sui potenziali benefici apportati dagli alberi nello stand urbano, però, mentre sta aumentando la consapevolezza di questo, solo negli ultimi dieci anni sono stati fatti alcuni sforzi per selezionare le piante per questo tipo d'uso e di adottare pratiche di gestione al fine di massimizzare i benefici netti di boschi urbani sul biossido di carbonio atmosferico. Nelle attuali strategie di impianto potrebbero essere adattate, comunque, le specie che non sono solo molto efficiente nel sequestro di CO2 , ma che hanno dimostrato di avere un maggiore efficienza dell'uso dell'acqua (WUE - rapporto tra fotosintesi netta e il tasso di traspirazione).

Da: www.aboutplants.eu, 6/10/2013

inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

carmelo savarino - inserito il 25/10/2013

mi piace

stefano di stefano - inserito il 24/10/2013

Perfettamente d'accordo, è urgente una politica in tal senso ,gia' nostra societa' da anni persegue questa mission

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits