terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

02 maggio 2013

top_colonna1

Stampa

In Italia, nell'ultimo secolo, perduto il 75% della varietà di frutta

Nell'ultimo secolo, in Italia, alcune specie di frutta come albicocco, ciliegio, pesco, pero, mandorlo e susino hanno registrato una perdita di varietà del 75%, con punte massime per albicocco e pero, dal tasso di sopravvivenza varietale di appena il 12%. Nel solo Sud Italia, tra il 1950 e il 1983, è stato riscontrato che delle 103 varietà locali mappate durante il primo sopralluogo, solo 28 erano ancora coltivate poco più di trent'anni dopo. Perfino la vite da vino si è "impoverita" nell'ultimo secolo: dalla ricostituzione dei vigneti dopo la diffusione della fillossera avvenuta a fine Ottocento, il numero dei vitigni, coltivati all'epoca in alcune migliaia (400 nella sola provincia di Torino), è sceso nel 2000 a circa 350, di cui 10 soltanto occupano il 45% della superficie vitata italiana.
A livello più generale, uno studio della FAO stima che tra il 1900 e il 2000 sia andato perduto il 75% della diversità delle colture. Inoltre, l'organizzazione delle Nazioni Unite prevede che entro il 2055, a causa del cambiamento climatico, scompariranno tra il 16 e il 22% dei parenti selvatici per colture importanti come arachidi, patate e fagioli. 
Sono alcuni dati che testimoniano l'importanza di tutelare la frutta e i prodotti agricoli della nostra storia, per salvaguardare la cultura italiana e al tempo stesso venire incontro all'esigenza, sempre più sentita, di mangiare cibi sani, privi di alterazioni e veleni. 
E' stato l'argomento del seminario "Frutti del passato per un futuro sostenibile" organizzato dall'Ispra, che si è tenuto lo scorso 19 aprile presso il ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Al centro dell'incontro, possibilità e modalità di recupero delle colture perdute in una prospettiva futura.

Da Freshplaza.it, 26/04/2013
inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

vas fvg alto livenza ass naz - inserito il 02/05/2013

Inserito nel nostro sito www.VasFvgAltoLivenza.it . Come associazione siamo per la biodiversità. Cordiali saluti. LO STAFF VAS FVG ALTO LIVENZA

maria vitacca - inserito il 02/05/2013

..e chi coglie e cura la frutta autoctona viene guardato come un marziano!

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits