terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

10 aprile 2013

top_colonna1

Stampa

Nuovi criteri europei di valutazione dei fitofarmaci, a rischio soprattutto grano e orticole

Entro il 2013 la Commissione Europea presenterà specifici criteri scientifici per stabilire, prima di autorizzarne l’immissione in commercio,  se un fitofarmaco  determina effetti negativi sulla salute umana in attuazione di quanto stabilito dal reg. CE 1107/2009. I criteri generali sono attualmente in fase di elaborazione presso la Direzione Generale Ambiente e dovrebbero essere pubblicati a maggio 2013. L’ultima versione dei criteri per la valutazione dell’impatto di una sostanza attiva, stabiliti dalla DG Ambiente rischia di ridurre drasticamente la disponibilità di fitofarmaci in Europa determinando, così, un  impatto sul settore agricolo, molto più ampio di quanto ci si aspettava al momento in cui è entrato in vigore il reg. CE 1107/2009. L’aumento delle malattie fungine avrà un impatto negativo sulla bilancia commerciale in quanto l'Europa rischia di veder diminuite le proprie esportazioni di grano e di registrare un netto aumento delle importazioni. Oltre a danneggiare le imprese agricole, ciò comporterà un aumento dei prezzi del pane e della pasta ed anche riduzione negli standard di qualità creando ripercussioni notevoli nell'agroalimentare italiano. L'aumento delle importazioni di grano comporterà anche un aumento dei prezzi della carne di maiale e del pollame nei supermercati.
Anche sul piano ambientale, le conseguenze non potranno che essere negative. Con la riduzione del controllo delle malattie delle colture, la quantità di grano prodotto, a parità di acqua e azoto applicati, si ridurrebbe notevolmente. Di conseguenza, aumenterebbero gli effetti negativi delle emissioni di gas per tonnellata di grano in atmosfera.  A livello europeo si stima che circa l’80 per cento dei fungicidi non potrebbe più essere impiegato. L’impatto su colture importanti come cereali, patate ,colza e vite sarebbe tra il 10 e il 20 % e anche di più nel periodo estivo, con perdite fino al 50 % nelle annate nelle quali le patologie fungine delle piante sono più aggressive.

Da notiziario A.S.A. – 8/04/2013
inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

Dr VALENTINA BARATELLA - inserito il 16/04/2013

Una decisa limitazione dell'impatto della chimica nell'Agroalimentare, Italiano e non, compresi i prodotti d'importazione, è decisamente da auspicare! Ben vengano le nuove disposizioni!

Giovanna Serenelli - inserito il 13/04/2013

Si, ma dovremmo ricordarci che le acque d'Italia, superficiali e profonde sono contaminate da un impressionante numero di pesticidi. Quanti? 166 (centosessantasei) tipi diversi che ovviamente non solo sono in grado di danneggiare gli ecosistemi, ma ci beviamo quotidianamente. Non importa se i limiti per ciascuna di queste sostanze siano o non siano nei limiti di legge attuali. Il problema è assai più serio perchè nessuno sa effettivamente quali sian gli effetti combinati di queste sostanze. Sono dati questi, forniti dall'ISPRA e sono dati ufficiali. Visto che la situazione non è assolutamente in via di miglioramente, penso sia utile una riflessione molto seria.

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits