Sicurezza alimentare. Il 99,2% dei prodotti a norma di legge in Italia, meglio della media UE.

L’Italia si conferma leader a livello internazionale in materia di sicurezza alimentare, con il 99,2% di prodotti regolari su un’analisi relativa a oltre 12mila campioni.
È quanto emerge dal report annuale del Ministero della Salute “Controllo ufficiale sui residui di fitosanitari negli alimenti” relativo al 2018, accolto con soddisfazione da Agrofarma, Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica.
“Il nostro comparto può e vuole dare un contributo chiave al sostegno della filiera agricola. Il costante impegno in ricerca e sviluppo delle imprese del settore agrofarmaceutico – a favore di prodotti sempre più sicuri per i consumatori e l’ambiente – ha contribuito in modo significativo al raggiungimento di questi risultati eccellenti” – dichiara Alberto Ancora, Presidente di Federchimica Agrofarma – “La filiera agroalimentare italiana è riconosciuta come eccellenza a livello internazionale non solo per la qualità dei suoi prodotti, ma anche per essere riuscita a raggiungere standard in assoluto tra i più alti di sicurezza. I dati del rapporto confermano un trend testimoniato dalla più importanti istituzioni, come l’Efsa, e sono motivo di orgoglio per tutto il nostro settore”.
Il report include un’ampia varietà di prodotti esaminati, sia non processati (come l’ortofrutta e i cereali) sia alimenti processati (quali vino e olio). Nel 2018 sono stati esaminati più di 12.000 campioni, di cui soltanto lo 0,8% sono risultati superiori ai limiti massimi consentiti dalla normativa vigente, una percentuale di irregolarità ben al di sotto della media europea (2.5%).

LEGGI IL REPORT INTEGRALE _allegato PDF (Ministero Salute controllo prodotti (v.breve)_compressed_compressed.pdf)

da Agricultura.it, 29/7/2020