In Italia continua a crescere il contoterzismo

L’Annuario dell’agricoltura italiana 2017, pubblicato dal Crea, evidenzia che il contoterzismo in Italia raggiunge un valore di 3,12 miliardi di euro ( 2,3% sull’anno precedente). Le attività agricole svolte per conto terzi, rappresentano il 45,6% di tutte le attività di supporto alle fasi strettamente agricole, con un balzo del 2,3% fra il 2016 e il 2017. Hanno registrato una crescita le attività nella lavorazione delle sementi per la semina, per la manutenzione del terreno, del bestiame, ecc.
Il presidente del CAI (Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani) sottolinea che l’incremento delle attività svolte al servizio degli agricoltori offre sempre maggiore specializzazione delle prestazioni.
Nelle regioni del Nord il contoterzismo agricolo vale oltre 1,23 miliardi, ma il fenomeno della terziarizzazione dei servizi in agricoltura si sta diffondendo anche nel Sud della Penisola.
Ciò sembra marginale, ma alle imprese agromeccaniche non dovrebbero mai precludere la possibilità di accedere all’innovazione per l’autonomo sviluppo dell’azione agricola.


da: Agricultura.it, 23/1/2019