Ecco il Solanum Plastisexum, pomodoro “gender-fluid”

Moltissime specie vegetali presentano fiori "bisessuali", o magari fiori maschili e femminili sulla stessa pianta. Un pomodoro selvatico, appena scoperto nell’entroterra australiano, presenta contemporaneamente tutti i possibili fenotipi sessuali su un singolo esemplare. La specie è stata battezzata dai suoi scopritori Solanum Plastisexum, cioè "solanacea dal sesso fluido".
La notizia è stata pubblicata sulla rivista PhytoKeys.
La pianta appartiene alla famiglia delle solanacee, un gruppo di angiosperme di cui fanno parte altre specie come patate, pomodori, peperoni, peperoncini e melanzane. Più nello specifico, la nuova specie appartiene ai cosiddetti "bush tomato" ("pomodori selvatici australiani"), piante dai caratteristici frutti a grappolo diffuse nelle zone più aride dell’Australia e hanno rappresentato un'importante fonte di cibo per le popolazioni aborigene.
Già dagli anni '70, questa specie di solaneacea era stata inserita negli archivi del Northern Territory Herbarium australiano. Ma Christopher Martine, esperto di genetica botanica raccolse un campione di questa specie nel 2016 per analizzarlo nei laboratori della Bucknell University, in Pennsylvania, scoprendo così che non vi era traccia del suo genoma in alcun database genetico. Le probabilità che si trattasse di una nuova specie erano quindi molto alte. Nel 2018 il team di ricerca ha raccolto anche campioni di semi, ed eseguito specifiche osservazioni, tra cui il fenotipo sessuale di questo "pomodoro selvatico" che sembrava variare di fiore in fiore, anche sulla stessa pianta.
I ricercatori hanno quindi coltivato e studiato diversi esemplari di Solanum Plastisexum, confermando le osservazioni iniziali. La pianta possiede una caratteristica praticamente unica tra le solanacee: lo stesso esemplare può mostrare fiori maschili, fiori femminili, e anche fiori ermafroditi che presentano contemporaneamente le caratteristiche sessuali di ambo i sessi (stami e pistilli), in combinazioni variabili e mai osservate prima in questa famiglia di piante. Una caratteristica del sistema riproduttivo di S. Plastisexum che sfugge a qualunque classificazione, e che secondo i suoi scopritori dimostra perfettamente quanto sia impossibile stabilire una norma nella sessualità del regno animale e vegetale.
Per questa peculiare caratteristica i ricercatori lo hanno definito come il primo, vero, vegetale "gender fluid".


da: Repubblica, 19/6/2019