Depenalizzati molti reati alimentari: salute a rischio

Dal 26 marzo è cambiata la disciplina penale della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande, virando verso una sostanziale depenalizzazione. L’articolo 18 lettera b) del Dlgs 27/21 include infatti tra le sue abrogazioni la legge 283/62 recante la disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande, fatte salve le disposizioni agli articoli 7, 10 e 22.
Si tratta dell’esercizio della delega conferita dall’ articolo 12 della legge 117/19 per l’adeguamento della normativa nazionale al regolamento Ue 2017/625 che, dunque, è destinato a produrre fenomeni di abolitio criminis, peraltro con effetto retroattivo.
Ne deriva che i fatti, specie colposi, di impiego, vendita, somministrazione o introduzione di sostanze alimentari contaminate (ad esempio per effetto di additivi non consentiti o di prodotti cancerogeni) ovvero in stato di degrado, promiscuità o cattiva conservazione o comunque non rispondenti ai requisiti di legge, non integrano più reato ex se ma semmai solo illeciti amministrativi puniti, per lo più, con sanzione pecuniaria.
Invece continuano a integrare reato le condotte di produzione, vendita o messa in commercio di sostanze alimentari o della carta e imballaggi destinate a involgerle ovvero di oggetti di uso personale o domestico colorati con colori non autorizzati.
Questa scelta appare, inoltre, in controtendenza con l’intento di un progressivo rafforzamento della tutela penale in materia agroalimentare alla base dell’atto Camera 2427 in discussione, come mutuato dallo schema già elaborato nel 2015 dalla commissione Caselli.
Salvo, dunque, un ripensamento del legislatore - volto a ripristinare la vigenza dell’articolo 5 della legge 283/62 e delle altre norme collegate (in particolare gli articoli 6, 12 e 12-bis) potrebbe risultarne una contraddittoria compromissione della tutela preventiva della sicurezza alimentare in un mercato ormai globale che richiede continui ed efficaci controlli di polizia sia amministrativa sia giudiziaria.


da: IlSole24Ore.com, 17/3/2021