terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

30 maggio 2012

top_colonna1

Stampa

Clima: Maracchi, ‘’Aspettiamoci perturbazioni fino alla prima metà di giugno’’

Prepariamoci ad un clima perturbato, almeno fino alla prima metà di giugno. E’ la previsione del climatologo Giampiero Maracchi, vice presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, che ne ha parlato con i giornalisti a margine del convegno ‘L’Assicurazione delle catastrofi ambientali’, che si è svolto lunedì 28 maggio, promosso dalla Fondazione Cesifin Alberto Predieri dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.
‘’E’ prevedibile – ha spiegato - che prosegua fino alla prima metà di giugno la situazione che si sta verificando da settimane: ovvero la corrente a getto sull’Atlantico si è inclinata e porta delle perturbazioni, ovviamente non continue, ma con intervalli e cali bruschi di temperatura. In questa situazione non è possibile sapere con ampio anticipo se ci saranno eventi di grave intensità perché le condizioni climatiche cambiano in poche ore. Certo, quando ci sono piogge c’ è sempre il rischio che questi fenomeni possano verificarsi’’. Relativamente al tempo che avremo in estate, il professor Maracchi non si è sbilanciato. ‘’Al momento – ha precisato - è troppo presto per fare previsioni mirate, ma ci dobbiamo preparare ad un’ estate ormai divisa in periodi caldi, ma molto caldi, con forti ondate di calore alternate a periodi con l’arrivo di aria fresca dall’Atlantico e con precipitazioni’’

Fonte: Fondazione CESIFIN inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits