terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

22 giugno 2011

top_colonna1

Stampa

I tappeti erbosi del futuro: innovazioni per ippodromi, campi da golf e da calcio

di Filiberto Loreti

Quella dei tappeti erbosi è una scienza nuova per l’Italia. I primi studi scientifici risalgono a metà degli anni ’90, circa 70 anni in ritardo rispetto ai paesi anglofoni come Inghilterra, USA, Australia, dove la cultura del tappeto erboso (turf) è profondamente radicata nella tradizione.
Nonostante il tardivo interessamento di Università ed enti di ricerca, l’Italia ha rapidamente colmato il “gap”esistente rispetto agli altri paesi. Attualmente ricercatori Italiani fanno parte del board della International Turfgrass Society (ITS), e a Pisa, nel luglio 2007, è stata fondata la European Turfgrass Society (ETS). L’attività di divulgazione delle Università, Federazione Golf, CONI ha consentito di elevare il livello culturale degli addetti ai lavori ed i risultati cominciano ad essere evidenti: corretto impiego delle specie, evolute tecniche manutentive, prati di elevata qualità estetica e tecnica.
Inoltre, sono sorte numerose aziende di settore, decine di giovani laureati si occupano di tappeti erbosi in percorsi di golf, campi di calcio, ippodromi, “sod farm”, numerosi studenti svolgono tirocini nelle più prestigiose università inglesi e americane. Le innovazioni e i brevetti delle nostre aziende si stanno affermando rapidamente anche in Europa.
Purtroppo i mutamenti planetari in corso (climatici, politici, finanziari) coinvolgeranno sempre più profondamente anche il settore dei tappeti erbosi. Ci attende, uno scenario caratterizzato da temperature più elevate, maggiore frequenza di fenomeni climatici estremi, scarsità di acqua, che ci indurranno a riorientare le attuali scelte.

E’ stata scelta la città di Pisa per affrontare la questione dei tappeti erbosi, in una giornata di studio organizzata dalla Sezione Centro-Ovest dei Georgofili il 16 giugno 2011, per vari e diversi motivi:
- a Pisa, oltre alla famosa Torre Pendente, c’è il prato della Piazza dei Miracoli, il tappeto erboso più fotografato al mondo
- a Pisa ci sono venti ettari di prati nell’ippodromo di San Rossore
- a Pisa ha sede il Centro del CONI e due prestigiosi percorsi di golf con prati impeccabili;
- a Pisa operano aziende leader nella progettazione e produzione di tappeti erbosi per il verde pubblico e privato e per ambienti sportivi;
- e, soprattutto, a Pisa c’è il Centro Tappeti Erbosi della locale Università, dove si studiano nuove specie vegetali e le più avanzate tecnologie per i tappeti erbosi del futuro.


inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

cesare intrieri - inserito il 22/06/2011

Caro Filiberto, potresti indicarmile specie e le vbarietà di essenze utilizzate nei campi da golf del CONI? grazie Cesare

ALESSANDRO CHIUSOLI - inserito il 22/06/2011

Negli anni '90 la Sezione Parchi e Giardini dell'AUB Università di Bologna (Direttore A.Chiusoli) aveva campi sperimentali per individuare specie e cultivar a basso consumo idrico e resistenti al freddo. Dati pubblicati su riviste tecniche e in convegni SOI.(– Il tappeto erboso sportivo nella storia. (in collaborazione con A.Minelli) –Atti Convegno GESTIONE DEL PATRIMONIO ACQUA NEI CAMPI SPORTIVI –seminario Tecnico – Aula Magna Facoltà di Agraria-Alma Mater Studiorum Università di Bologna – 26 settembre 2006)

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits