terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

01 febbraio 2017

top_colonna1

Stampa

I carrubi del Teatro antico di Taormina infestati dallo Scolitide asiatico

di Santi Longo

L’asiatico coleottero Scolitide Xylosandrus compactus (Eichhoff), è stato recentemente segnalato nei carrubeti della Sicilia sud-orientale, dove il carrubo riveste importanza paesaggistica ed economica. Il 12 novembre, a seguito di una e-mail, della dr.ssa Francescato, in vacanza a Taormina, l’insetto è stato riscontrato nei 13 carrubi, ispezionati nell’area attorno al Teatro Antico. In tale zona non è stata rilevata la presenza del coleottero sugli olivi e sugli allori vicini ai carrubi infestati, nei quali il suo insediamento sembra risalire a qualche anno addietro. Della presenza del polifago insetto alieno è stata data comunicazione al custode del Teatro, con il quale è stato effettuato il sopralluogo, nonché al Servizio Fitosanitario regionale. Successivamente, è stato raccomandato all’agronomo incaricato della cura del verde, dalla direzione del Parco archeologico di Naxos, che gestisce il Teatro Antico, di coordinarsi con i Servizi Fitosanitari per ispezionare tutti i carrubi che si trovano nel Parco e possibilmente anche nei suoi dintorni, e soprattutto di fare effettuare, in tempi brevi, una accurata potatura dei rametti infestati dallo Scolitide. Tali rametti, che sono facilmente riconoscibili a un esame visivo, e discriminabili da quelli erosi dai topi arboricoli, presenti nella zona, dovranno essere immediatamente bruciati in situ, per evitare che le femmine di X. compactus escano in volo dalle gallerie. Inoltre è stato suggerito di istallare apposite trappole per la cattura delle femmine al fine di individuare le epoche di volo e di colonizzazione di altre piante. E’ auspicabile che gli interventi indicati vengano tempestivamente attuati, per evitare che, le femmine del coleottero colonizzino i rametti di nuove piante, causandone il disseccamento, anche per l’azione dei funghi simbionti dei quali larve e adulti si alimentano. Gli interventi dovranno essere effettuati in tempi ragionevolmente brevi, anche per evitare che i carrubi, nella prossima primavera, mostrino un aspetto sofferente ai partecipanti al vertice del G7 che si svolgerà il 26 e 27 maggio 2017, a Taormina il cui sindaco ha dichiarato di voler presentare in condizioni perfette agli occhi del mondo.


   
Fig 1 Carrubo infestato

Fig 2 Teatro Antico



Fig 3 Galleria con larve e adulti di X. compactus 



inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits