terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

15 luglio 2015

top_colonna1

Stampa

Latte in polvere, "Cerchiamo di non fare autogol"

Riportiamio da Agronotizie del 9 luglio u.s., uno stralcio dell’intervista al professor Dario Casati, georgofilo ed economista agrario.

“Sulla questione dell’utilizzo del latte in polvere per i formaggi cerchiamo di non fare autogol, abbiamo in Italia consumatori molto sensibili, talvolta suggestionati da campagne di stampa che non brillano per chiarezza ed equilibrio”.
Così il professor Dario Casati, georgofilo, economista agrario e già prorettore dell’Università di Milano, interviene sulla querelle dei formaggi ottenuti con la polvere di latte.
“I Magnifici Sessanta lombardi – così definisce Casati i 63 formaggi tradizionali della regione - non hanno nulla da temere, se sono fatti bene, così come nulla avranno da temere i prodotti Dop e Igp lombardi e italiani, perché avendo dei disciplinari che vietano l’utilizzo di polvere di latte, non sono affatto interessati dalla vicenda”.
Inoltre, “i disciplinari di Dop e Igp sono il canale per vietare di usare la polvere, raccomandazione utile prima di tutto a noi stessi”.
Il dato sul quale Casati invita a riflettere riguarda semmai numeri quali la diminuzione del 33,7% delle stalle da latte in Lombardia e la flessione di circa il 10% del numero di capi.
“Bisogna però tenere presente che la quantità di latte prodotta è rimasta pressoché invariata – precisa – per effetto di un progresso tecnico niente affatto trascurabile e per gli investimenti operati dalle imprese, che hanno consentito una produttività maggiore. Quindi direi che serve prudenza nella lettura dei dati”.
Se poi venisse stravolta la legge 138/1974, che vieta l’uso di polvere di latte nella caseificazione, l’interpretazione dell’economista agrario invita ancora una volta a non lasciarsi trasportare dall’irrazionalità.
“Se un produttore ottiene, con la tecnica casearia che conosce, un buon formaggio – afferma Casati - non è obbligato a usare la polvere di latte. È una facoltà, non un obbligo, e non possiamo sostenere che i formaggi europei, alcuni dei quali sono ottenuti con l’impiego di polvere, siano cattivi. Non dimentichiamoci che l’Italia ha bisogno di importare materia prima come il latte e già oggi importa cagliate, paste filate e semilavorati per fare formaggi, che non sono quelli tipici”.
Insomma, “non mi sembra che la vicenda sia così grave”, taglia corto Casati.


inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits