terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

31 luglio 2013

top_colonna1

Stampa

Portiamo la frutta in tavola

di Elena Accati

La frutta rappresenta uno dei più preziosi doni della natura, sia dal punto di vista alimentare – per il ricco contenuto di sali minerali, vitamine e zuccheri - sia per la varietà di forme e colori, per i sapori invitanti, per i profumi delicati e intensi, per i succhi dissetanti. L’Italia, grazie alla sua fortunata posizione geografica, possiede una lunga tradizione nel settore della frutticoltura, produce ed esporta un numero considerevole di varietà. Stupisce quindi l’approccio di molti ristoratori nei confronti della frutta: raramente viene proposta a fine pasto, privilegiando invece dolci elaborati e a volte supercalorici, forse perché appagano il narcisismo dello chef. 
In tempi di problemi metabolici dilaganti, la frutta può rappresentare una valida alternativa per sostituire nella quotidianità il dolce. Basti pensare che nel 2011 il 4,9% della popolazione italiana, cioè circa 3 milioni di persone, risultava affetto da diabete. Nel mondo, i diabetici sono ben 250 milioni e la tendenza è in crescita, quindi è necessario non aumentare ulteriormente il carico di zuccheri. 
Un etto di mele fornisce 43 calorie, la stessa quantità di pere solo 35. Ancora meno un etto di fragole: 27 calorie; 34 calorie le arance; 15 il cocomero. Una fetta da un etto di torta margherita vale 368 calorie, se poi viene addizionata di panna quella stessa fetta sale ancora di più sulla scala della tabella calorica. La differenza salta subito all’occhio. 
Un altro fatto che si nota a proposito della frutta è la scomparsa, o per lo meno la poca attenzione, nei confronti di varietà di frutta un tempo assai note e pregiate, come ad esempio  la mela ‘Carla’, o la ‘Magnana’, o ancora l’Abbondanza’ e la ‘Gelata’, o le pere ’Martin sec’.
Al fine di sottolineare l’attenzione sui problemi citati, la sottoscritta, insieme a Mina Novello, coordinatrice dell’attività di sapori biellesi, associazione che si occupa di valorizzare prodotti enogastronomici locali di qualità, ha proposto in un libro dal titolo ’Siamo alla frutta’ (Blu edizioni) quattrocento modi per trattare la frutta nostrana ed esotica, fresca e secca, cruda e cotta, in modo da riattribuirle il ruolo di protagonista che le compete.          

inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits