Raddoppia export pasta in Cina ( 113%)

Le vendite di pasta italiana in Cina sono più che raddoppiate a conferma del ruolo trainante per l’intero Made in Italy all’estero dell’agroindustriale, che nel 2012 raggiungerà il massimo di sempre, superando quota 31 miliardi di euro. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in merito ai dati sul commercio extra Ue diffusi dall’Istat. Nei Paesi non Ue viene esportato circa un terzo dei prodotti agroalimentari italiani, per un valore stimato per l’intero 2012 in 9,9 miliardi ( 11 %). Il Made in Italy va forte negli Stati Uniti con 2,6 miliardi ( 10 %) e soprattutto nei mercati emergenti come quelli asiatici con 2,4 miliardi, dove si è avuto l’incremento maggiore con un 20 %. Tra i principali settori, il prodotto più esportato nei paesi extra Ue è il vino, con 2,2 miliardi ( 11 %). Analizzando le performance dei prodotti nei singoli stati, si scoprono aspetti sorprendenti – evidenzia Coldiretti - con la crescita addirittura del 50 % della vendita di riso italiano in Cina. Il Paese asiatico si conferma terra di conquista anche per Grana Padano e Parmigiano Reggiano, che triplicano, nonostante la tradizionale opposizione al consumo di prodotti lattiero-caseari da parte dei cittadini asiatici. Raddoppiano anche i salumi in Giappone, ma sotto la bandiera tricolore - prosegue la Coldiretti - crescono persino le esportazioni di couscous in Africa.

Da Notiziario A.S.A. n° 261/ 29.10.2012