Mutagenesi non è OGM

Paragonando le nuove tecniche di mutagenesi agli Ogm, bisogna assoggettarle agli obblighi previsti dalla direttiva comunitaria in materia. L’innovazione biotecnologica si basa sulle moderne tecniche della cisgenetica e soprattutto del genome editing, che permettono di superare la questione degli Ogm e di rilanciare la ricerca anche valorizzando la biodiversità e la tipicità.
Parlare solo di Ogm vuol dire continuare a concentrare l’attenzione su una tecnologia sempre più datata, sottovalutando le nuove tecniche per un’agricoltura più sostenibile dal vero punto di vista. Per questo è importante sostenere ed estendere la sperimentazione su larga scala, coinvolgendo agricoltori, mondo della ricerca e università.
Una strada da intraprendere subito, considerato che la stessa sentenza della Corte di Giustizia UE esenta dalla direttiva Ogm quelle pratiche di mutagenesi già sperimentate nel tempo, e quindi considerate sicure, e lascia discrezionalità agli Stati membri di considerare le nuove tecniche di mutagenesi come “Organismi geneticamente modificati”.


da: Oliofficina, 30/7/2018