L'innalzamento dei mari sta salinizzando i terreni agricoli del Nord Carolina


Le chiazze salate erano piccole, inizialmente, punti dove la soia non cresceva, dove l'erba appassiva e moriva, lasciando distese di terra brulla e spoglia. Ma poi quelle chiazze sterili sono cresciute e la situazione sta peggiorando.
Uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista Science ha rilevato che il 9% della costa degli Stati Uniti è vulnerabile all'intrusione di acqua salata, una percentuale destinata a crescere man mano che il mondo continua a scaldarsi. La contea di Hyde, nel North Carolina fa parte di una zona che è stata riconosciuta come disastrata negli ultimi cinque anni. Gli uragani Matthew nel 2016 e Firenze nel 2018 hanno inondato la zona con acqua di mare. E’ noto che l'intrusione di acqua salata è legata all'innalzamento del livello del mare causato dai cambiamenti climatici, ma gli scienziati non comprendono come il sale finisca nei campi degli agricoltori. Un'ipotesi è che i forti venti possano soffiare l'acqua salata dal braccio di mare fin nei canali e nei fossati che attraversano la contea, che poi colano nel terreno. Un'altra possibilità è che il sale sia stato lasciato dalle onde di tempesta e che sia semplicemente necessario molto tempo perché venga lavato via.
Gli scienziati sono sempre più preoccupati che l'innalzamento del livello del mare stia spostando la "zona di transizione", il gradiente sotterraneo in cui l'acqua freatica fresca incontra l'acqua salata del mare. Questo problema può essere aggravato dal lento affondamento della pianura costiera della Carolina del Nord, iniziato alla fine dell'ultima era glaciale circa 12.000 anni fa.


Da "The Washington Post", in Agrapress - Rassegna della stampa estera n. 1286, 7/3/2019