In calo la produzione globale del vino ma il consumo resta stabile e cresce l’esportazione

Secondo il rapporto dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino (OIV), che svolge il proprio XXXIV congresso mondiale a Porto, dal 20 al 27 giugno 2011, il trend mondiale del mercato vitivinicolo, dominato per lungo tempo da Paesi europei, sta sperimentando la sfida di nuovi produttori emergenti in America, Australia e Asia (specialmente la Cina). Il rapporto indica tre categorie come principali indicatori per comprendere lo stato del settore: la superficie coltivata a vigne, la produzione e il mercato internazionale. La  superficie vitivinicola mostra una spiccata riduzione nel 2010, la produzione di grappoli ha un calo del 3% rispetto al 2009, mentre il consumo globale sta aumentando di uno 0,4% rispetto al trend negativo degli anni 2007-2009, influenzato negativamente dalla crisi economica globale.

Il rapporto sarà presto pubblicato sul sito www.oiv.int

Fonte: OIV (Organisation of vine and Wine)