Il succo d’arancia riduce la demenza

Nel 2015 si calcola che vi fossero 46,8 milioni di persone affette da demenza in tutto il mondo, ma il numero potrebbe salire a più di 131 milioni entro il 2050. Secondo l'organizzazione non-profit Alzheimer's Disease International di Londra, bere un bicchiere di succo d'arancia al giorno riduce significativamente il rischio di ammalarsi. La demenza si riferisce a sintomi associati a un declino della memoria o ad altre capacità di pensiero abbastanza gravi da ridurre la capacità di svolgere le attività quotidiane.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Neurology, ha monitorato il consumo di frutta e verdura di circa 28.000 uomini (età media 51 anni) negli Stati Uniti dal 1986 al 2002 e la loro funzione cognitiva soggettiva per quasi tre decenni. Si è rilevato che gli uomini che bevevano un bicchiere piccolo di succo d'arancia avevano il 47% in meno di probabilità di sviluppare una diminuzione della capacità di pensiero rispetto a quelli che bevevano meno di una porzione al mese. Lo studio ha inoltre rilevato che anche gli uomini che mangiavano più verdure avevano il 34% in meno di probabilità di avere una riduzione della capacità mnemonica.

da: "Xinhuanet" (Cina) in Agrapress n° 335 Rassegna della stampa estera n. 1275, 13/12/2018.