Il genoma del kiwi ha somiglianze con patate e pomodori

Un nuovo studio che ha decodificato la sequenza del Dna del kiwi ha concluso che il frutto ha molte somiglianze genetiche - rilevate tra i suoi 39.040 geni - con altre specie di piante, tra cui patate e pomodori. 
"La sequenza del genoma del kiwi e' un materiale prezioso per aiutare la ricerca a migliorare la qualità e la resistenza alle malattie del frutto", ha spiegato Zhangjun Fei del Boyce Thompson Institute sulla rivista Nature Communications. L'indagine ha identificato due momenti che sono stati evolutivamente molto importanti per lo sviluppo del kiwi come lo conosciamo oggi. Avvenuti ventisette e ottanta milioni di anni fa: "Si tratta di due recenti eventi di duplicazione dell'intero genoma", hanno detto i ricercatori. Quando i geni si duplicano, le copie extra possono mutarsi per eseguire funzioni completamente nuove, non presenti precedentemente nell'organismo. Il processo, chiamato neofunzionalizzazione, può verificarsi senza effetti negativi nelle piante e nel caso del kiwi e' stato persino vantaggioso. "La duplicazione ha contribuito ad aggiungere caratteristiche genetiche che sono coinvolte nella regolazione di importanti tratti del kiwi, come il carico di vitamina C", hanno spiegato i ricercatori. Dalle analisi, circa ottomila geni sono risultati comuni ad altre specie, tra cui riso, patate, pomodori e uva.

Da agi.it, 23/10/2013