Il Cinipide galligeno del Castagno in Sicilia mette a rischio due“patriarchi”

di Santi Longo
Infestazioni del Cinipide galligeno del castagno sono state riscontrate nel maggio 2010 in 21 castagneti ricadenti all’interno del Parco dell’Etna e nei due maestosi esemplari noti come “Castagno dei 100 cavalli” e “Castagno di S. Agata o della Nave”.
Nel corso del 2011 le infestazioni del cinipide si sono estese ad altre aree e sono aumentate d’intensità. In considerazione della gravità del problema e al fine di salvaguardare anche i due millenari castagni, nello scorso mese di aprile è stata effettuata l’introduzione del parassitoide esotico Torymus sinensis il cui ceppo è stato fornito dal prof Alma dell’Università di Torino. 
Il 22 giugno nella sede del Parco dell’Etna verrà illustrato il programma di lotta biologica attivato dall’Università di Catania, di concerto con le Istituzioni interessate alla soluzione ecocompatibile del problema.

(Foto: dal volume “Patriarchi Vegetali, un patrimonio da salvare” di Elvio Bellini e Sergio Guidi, pubblicato dall’Accademia dei Georgofili per i tipi di Polistampa, a Firenze nel 2005)