Forse misure utili post PAC

Il presidente dei contoterzisti, Aproniano Tassinari, ha affermato che il primo passo da compiere per l’agricoltura in Europa dovrebbe essere lo studio di piani di sviluppo rurale volti a facilitare e incentivare il ricorso da parte degli agricoltori ai servizi agromeccanici di precision farming, non solo per l'acquisto diretto di tecnologie innovative, ma anche perché è tempo che la politica agricola comunitaria guardi oltre le aree rurali e marginali, fino ai centri urbani.
Il paradigma sta già cambiando e negli Stati Uniti, in Francia e in Olanda si investe nella costruzione, anche in città, di enormi edifici dove coltivare (fuori terra) ortaggi a chilometro zero. Progetti di questo tipo sono destinati a sconvolgere i piani di sviluppo rurale con la riscrittura delle politiche ambientali e una sempre più chiara comprensione della necessità dell'imprenditore agromeccanico di avere la garanzia per processi produttivi sostenibili a medio e a lungo periodo.


da: Agrapress n.3794, 18/6/2018