Autenticità per l’olio di oliva extravergine di eccellenza

di Italo Frasca
Oggi si rimane perplessi di fronte all'ampiezza della gamma di oli di oliva extravergine offerti ai consumatori a prezzi incredibilmente diversi. Il prodotto italiano di eccellenza, gravato da costi di produzione più elevati, viene confuso con le miscele di prodotti esteri (europei ed extraeuropei). Senza discutere di frodi in commercio o di differenze tra prodotti aventi parametri ai limiti superiori della categoria merceologica o rientranti appena nei limiti normativi minimi, la CNO (Confederazione Nazionale Olivicoltori) ha proposto di istituire una tipologia di olio extravergine, definibile di "alta qualità", per tutelare i produttori. 
I rappresentanti di tutta la filiera interessata hanno condiviso questo obiettivo e approvato anche il relativo disciplinare, inserendovi ulteriori parametri di garanzia. Il Ministero delle Politiche Agricole ha manifestato l'intento di proporre l'istituzione di un "sistema di qualità nazionale" nel quale inquadrare anche altri prodotti. Si spera che l'iter previsto possa concludersi presto e che venga emanato il necessario Decreto Ministeriale istitutivo. 


Da: Agrapress, 17/07/2013