AGROMAFIE: un business da 12,5 miliardi di euro

Un volume d'affari complessivo di almeno 12 miliardi e mezzo di euro. E la capacità di condizionare e controllare l'intera filiera alimentare, dalla produzione all'arrivo della merce nei porti, dai mercati all'ingrosso alla grande distribuzione, dal confezionamento alla commercializzazione. E' l'inquietante identikit delle cosiddette "agromafie". Un drammatico quadro rappresentato dal primo Rapporto Eurispes-Coldiretti sui crimini alimentari nel nostro Paese. L'intero comparto appare caratterizzato da fenomeni criminali legati al contrabbando, alla contraffazione e alla sofisticazione di prodotti alimentari e dei relativi marchi garantiti, ma anche dal fenomeno del "caporalato", che comporta lo sfruttamento dei braccianti "in nero" con conseguente evasione fiscale e contributiva. "I danni al sistema sociale ed economico - denunciano gli autori dello studio - sono molteplici, dal pericolo per la salute dei consumatori all'alterazione del regolare andamento del mercato".

da Corriere Ortofrutticolo, 21/06/2011

(foto: www.morguefiles.com)