Agenzia Ue, 63% habitat laghi e fiumi in cattiva salute

Il 63% degli habitat ti laghi e fiumi nell'Ue non godono di buona salute e sono quindi classificati con uno status di conservazione 'sfavorevole'.
Le previsioni per il 2015 non sono incoraggianti: meno della metà di laghi, fiumi, torrenti e falde acquifere (48%) nell'Ue sarà in buone condizioni, sia dal punto di vista della qualità sia dal punto di vista della quantità.
Il primo indiziato è ancora l'inquinamento, soprattutto da fertilizzanti agricoli, ma anche gli sprechi e gli effetti dei cambiamenti climatici. A scattare la fotografia è l'Agenzia europea dell'ambiente (Aea) nell'ultimo rapporto sulle acque dell'Ue. Agricoltura, alimentare ed energia  sono i principali settori sui quali occorre intervenire per diminuire la pressione sulle risorse di oro blu in Europa. Secondo l'agenzia Ue, i futuri pagamenti della politica agricola comune agli agricoltori (Pac) dovrebbero tenere conto della gestione dell'acqua, a partire dall'irrigazione.
La produzione di energia è un altro capitolo, dove anche la produzione di biocarburanti può essere particolarmente idrovora.


Da Ansa.it, 3/12/2012
Foto: www. ambienteambienti.com